logo impariamo a scrivere
home | presentazione | strutture ling. | t. denotativi | t. connotativi | t. pragmatici | traduzioni | rifl. linguistica | forum | contatti | mappa
RIFLESSIONE LINGUISTICA





riflessione linguistica

La riflessione sulla lingua deve essere sempre legata ad esperienze concrete o a testi comunque significativi per l'alunno.

  In prima elementare
  Dall'analisi logica...
  ... all'analisi grammaticale


IN PRIMA ELEMENTARE
Sin dall'inizio della prima elementare l'alunno va abituato a riflettere sulla lingua; sin da quando riflette sull'uso dei grafemi/fonemi che compongono la parola, la frase, il testo.

Quello che qui si illustra uno dei tanti modi (sempre legati alla libera scelta dell'insegnante) di avviare all'insegnamento della lettura/scrittura.

Si scelto un testo di facile lettura/comprensione
"La casa dei mostri"
di Maria Vago

La protagonista una bambina, Livia. I suoi zii non vogliono che lei vada troppo in giro per la casa e li disturbi mentre guardano la televisione. Le dicono che la casa piena di mostri. Ma non c' mostro che possa fermare Livia...

Ogni alunno ha avuto un grande scenario, rappresentante l'ambiente in cui gli avvenimenti del libro si svolgono.

Gradualmente la scena veniva animata incollando le figurine dei vari personaggi
  • Livia
  • gli zii
  • il mostro del ripostiglio
  • il mostro topastro
  • il mostro dei dolci
  • i mostriragnateli
  • l mostro della TV

fino a formare una scena completa sul quaderno   wpe22A.jpg (87749 byte)

il cartellone     May20$13.JPG (87409 byte)
Di volta in volta veniva isolata, nel contesto del brano letto, una frase significativa, per una sua lettura globale.

Ogni frase veniva poi scomposta nelle parole che la formavano e si giocava con le parole, componendo e ricomponendo la frase in vari modi.

Successivamente si isolava una singola parola e la si scomponeva nelle lettere che la formavano, fermando l'attenzione sulla lettera iniziale.
Lo stesso lavoro stato fatto, via via, per tutte le lettere dell'alfabeto, in modo che il passaggio dal testo alla frase, alla parola, al singolo fonema - grafema, avvenisse gradualmente e di pari passo alla lettura del libro.

torna su

DALL'ANALISI LOGICA...
Anche l'analisi logica va iniziata sin dalla prima elementare.
Un semplice esempio rappresentato dall'OMINO DELLA FRASE

omino.JPG (52267 byte)



L'attivit si approfondisce nel corso degli anni:
DALL'ANALISI DEL PERIODO...
  La frase centro e le subordinate  

rlfrasecentro.JPG (81204 byte)

...ALL'ANALISI LOGICA...
  Il GS (gruppo del soggetto)
      (di chi si parla?)


  Il GP (gruppo del predicato)
      (cosa si dice?)
rlGSGP.JPG (43890 byte)
  La frase minina
      (Soggetto + Predicato)
rlfraseminina.JPG (31517 byte)
  La frase minima e le espansioni
      (espansioni = complementi)


Il significato delle frecce usate nel semplice esempio riportato sottende la relazione logica che esiste tra le varie parti della frase: soggetto e predicato hanno la doppia punta in quanto insieme formano la frase minima e sono dunque di pari "importanza". Tutte le espansioni hanno la punta della freccia rivolta verso la parola a cui si riferiscono (e non viceversa), in quanto ad essa sono subordinate.
rlespansioni.JPG (72885 byte)
torna su

...ALL'ANALISI GRAMMATICALE


Vanno chiaramente approfondite le nove parti del discorso. Le parole classificate possono essere quindi incasellate in una tabella o analizzate nel modo tradizionale

rlgrammatica.JPG (31536 byte)

torna su

home | presentazione | strutture ling. | t. denotativi | t. connotativi | t. pragmatici | traduzioni | rifl. linguistica | forum | contatti | mappa
copyright 2002/2013 - tutti i diritti sono riservati